Cos’è la forfora?

La forfora è un disturbo, assai comune, in cui il cuoio capelluto si presenta ricoperto da un’abbondante desquamazione biancastra. Queste piccole scagliette, secche e dal colore bianco, altro non sono che residui di cellule morte. Le cause della forfora possono essere diverse e alcune possono intervenire contemporaneamente:

  • Un fungo, la Malasseziafurfur, che si nutre del sebo presente sul cuoio capelluto e contribuisce alla formazione della forfora;
  • Cattiva alimentazione che prevede il consumo di grassi e pochi alimenti ricchi, invece, di zinco, vitamine del gruppo B.
  • Lo stress può favorire i meccanismi alla base della formazione della forfora o accentuarne la manifestazione.
  • La pelle secca o grassasono due condizioni che favoriscono la comparsa della forfora.
  • Psoriasi
  • Utilizzo di prodotti shampoo non adeguati e aggressivi per il cuoio capelluto. Questi possono provocare irritazioni e sensibilità, scatenando i meccanismi alla base della forfora.

E la forfora secca?

Viene considerata secca la forfora che si presenta con squame che si staccano facilmente dai capelli, le cui tracce si depositano sui vestiti. La forfora secca causa spesso anche un prurito fastidioso, che induce a grattare e, quindi, ad aumentare il distaccamento delle squame e l’irritazione. Non sono del tutto chiare le cause della forfora secca, tuttavia sembra che il principale responsabile sia la Malassezia, un microrganismo che vive sul nostro cuoio capelluto e si nutre di sebo.

Come trattarla?

La forfora secca si può tenere sotto controllo attraverso l’utilizzo di shampoo specifici e delicati, ma soprattutto appositamente studiati per contrastare la forfora.

Dal momento in cui la forfora secca è caratterizzata da un ricambio eccessivamente veloce di cellule cutanee superficiali, è una buona abitudine detergere i capelli e la cute con cadenza anche quotidiana. È essenziale utilizzare prodotti non aggressivi e rispettosi del film idrolipidico che riveste il capello. Meglio optare per prodotti che aiutino a normalizzare la produzione di sebo, in modo da ricreare un equilibro.

Può essere utile, nel caso in cui la forfora sia causata dalla Malassezia, utilizzare prodotti a base di Ketoconazolo, un principio attivo che agisce direttamente sul fungo. Le preparazioni possono essere anche a base di Zolfo o di Acido Salicilico, in crema o in lozione, che hanno anche un effetto antibatterico e antimicotico.

Solitamente è sufficiente una visita dermatologica per ricostruire le cause della forfora. È bene riferirsi allo specialista per individuare il trattamento più adeguato alla tipologia di problemi e di capelli.

X