Quali cibi evitare in gravidanza e perché?

Sono molte le preoccupazioni di una mamma che porta una nuova vita in grembo, e queste riguardano anche al cosa si mette in tavola.

Seguire una sana alimentazione durante la gravidanza, porta numerosi benefici per te e per il tuo bambino. Fai attenzione a come mangi e a cosa mangi, sono tanti i rischi microbiologici degli alimenti, alcuni possono causare infezioni pericolose.

Il TexoplasmaListeria monocytogenesSalmonellaCampylobacterEscherichia coli, sono solo alcuni di tutti i microrganismi in grado di contaminare il cibo che ingerisci e che possono causare problemi alla salute del feto, provocando abortimalformazioni e gravi lesioni cerebrali.

I Rischi Delle Infezioni

Texoplasma: la Texoplasmosi può incidere negativamente sulla crescita intrauterina, può causare aborti spontanei o nascite premature. La madre può avvertire sintomi come quelli influenzali o essere del tutto asintomatiche.

Listeria monocytogenes: è un batterio diffuso nell’ambiente, si può trovare nel suolo o nell’acqua. L’infezione può essere causa di listeriosi congenita, parto prematuro, aborto, morte fetale. I sintomi che coinvolgono la madre possono essere molto diversi, generalmente si manifestano con una sindrome simil-influenzale.

Salmonella: l’infezione da salmonella può compromettere lo sviluppo del feto. I sintomi comprendono gastroenterite, diarrea, dolori addominali e febbre.

Campylobacter: può causare un ritardo nello sviluppo nel feto e indurre ad un parto prematuro. I sintomi della madre comprendono la febbre, principalmente, dolori addominali, mal di testa, nausea e vomito.

Fai Attenzione A Quel Che Mangi

Per prevenire l’insorgere di problemi di varia natura, legati all’azione di questi microrganismi, che potrebbero compromettere il normale sviluppo del feto, è importante lavare nel modo migliore frutta e verdura e non consumarle crude, evitare alimenti di origine animale crudi o poco cotti. Bisogna sempre assicurarsi che l’acqua che si beve si potabile. L’acqua se non potabile può essere un pericoloso veicolo per batteri, parassiti e virus. Meglio evitare il latte crudo non pastorizzato e alimenti derivati.

La frutta e la verdura possono essere disinfettate con prodotti a base di cloro, per una migliore sicurezza.

La carne, se consumata cruda o non cotta completamente, può costituire un rischio per le infezioni da Texoplasma, Listeria monocytogenes, salmonella, campylobacter. Allo stesso modo anche i salumi e gli insaccati poco stagionati.

Le uova rappresentano il rischio per le infezioni da Salmonella, è importante mangiarle cotte.

Il pesce e i frutti di mare, meglio non consumarli crudi, per la possibile contaminazione da Norovirus, Virus dell’Epatite A, Listeria monocytogenes, Campylobacter, Salmonella ed Escherichia Coli.

X