Rimedi: Jet Lag

La sindrome da jet lag è un disturbo che si manifesta quando l’orologio biologico interno al nostro organismo non riesce più ad essere sincronizzato con l’orario del paese in cui ci troviamo in quel momento.

Di solito, il tutto, si verifica quando, viaggiando in aereo e attraversando diversi fusi orari, ci ritroviamo in un luogo che dista molte ore da casa. Il risultato consiste in sintomi quali stanchezza, inappetenza, disturbi del sonno, una sensazione di malessere generale, con nausea, mal di testa e indolenzimento muscolare.

Occorre qualche giorno prima che il nostro organismo riesca ad adattarsi al nuovo orario e al nuovo ritmo circadiano. Infatti, l’organismo è sincronizzato internamente su un ritmo di 24 ore e su di esso organizza tutte le attività: alternanza sonno-veglia, variazioni della temperatura corporea, della pressione arteriosa e della secrezione dei diversi ormoni.

Il Jet-lag influisce processi molto importanti del nostro organismo, come:

• Appetito;

• Digestione;

• Abitudini intestinali;

• Produzione di urina;

• Temperatura corporea;

• Pressione del sangue;

 

Viaggiando attraverso fusi orari diversi, il meccanismo si inceppa e prima di ritrovare un corretto equilibrio, possono comparire piccoli disturbi come:

Affaticamento durante la giornata;

Insonnia e sonnolenza diurna;

• Senso di malessere;

• Difficoltà nel rimanere vigili;

• Problemi gastrointestinali;

Consigli Su Come Affrontare Il Jet Lag


Il primo rimedio per combattere il jet-lag 
è riposare durante il volo o il viaggio, specialmente se il viaggio è di lunga durata. Poi ci si può aiutare con l’alimentazione. Meglio consumare pasti leggeri e ridurre il consumo di tè, caffè o bibite alcoliche. Si deve bere molta acqua poiché il volo può favorire la disidratazione.

Una volta arrivati a destinazione, possono apparire utili i seguenti consigli:

• Cercate di abituarvi subito al ritmo sonno-veglia della località di destinazione, mangiando agli orari locali e coricandosi solo dopo il tramonto;

• Consumare a cena carboidrati, che aiutano ad addormentarsi;

• La prima notte dopo l’arrivo cercate di dormire a sufficienza, anche con l’aiuto di integratori di valeriana e melatonina;

Durante i primi due giorni dall’arrivo, evitate, per quanto possibile, lo svolgimento di attività faticose, in modo che il vostro corpo abbia il tempo di adeguarsi ai nuovi ritmi;

• Trascorrete quanto più tempo possibile all’aria aperta: la luce del sole aiuta il corpo ad adeguarsi più velocemente al nuovo ambiente;

• Se possibile, una volta di ritorno a casa, riposate per uno o due giorni e non affaticatevi per potervi così riabituare con calma all’orario del vostro paese;

X

Ci prendiamo una breve pausa anche noi...

Gli ordini ricevuti dal giorno 11 agosto saranno evasi a partire dal 29 agosto