Tutti i consigli per una corretta igiene intima

Quante volte capita di avvertire prurito o infiammazione nelle parti intime: spesso è conseguenza del fatto che non si è data la giusta importanza alla propria igiene intima che, se corretta, tiene alla larga tutti quei disturbi, e i loro sintomi, che possono affliggere l’apparato genitale.

Vediamo insieme, step dopo step, come prendersi cura di sé.

L’igiene Intima

La flora vaginale, quando è in totale equilibrio, garantisce il benessere della vagina, che è un organo auto-pulente, la cui attività porta normalmente alla produzione di secrezioni limpide o biancastre, a opera delle ghiandole che si trovano all’altezza della cervice uterina: esse producono un lubrificante naturale, che garantisce il giusto livello di umidità della mucosa, e la sua fuoriuscita rientra nel processo che garantisce un ambiente pulito e sano.

Per questa ragione, è importante semplicemente detergere la parte esterna della vagina con acqua e un po’ di detergente (che sia delicato), evitando le lavande vaginali, che possono alterare la microflora, per non parlare degli spray e degli altri deodoranti, che sono spesso causa di irritazioni o reazioni allergiche.

Buone Abitudini Generali

Di base, è bene rifarsi a detergenti neutri e non aggressivi, oltre a detergere e ad asciugarsi eseguendo con la mano un movimento che va dalla vagina verso l’ano (e non viceversa) per scongiurare di intaccare la salute della vagina con batteri intestinali che possono attaccare anche le vie urinarie, portando spesso a infezioni.

Per quel che riguarda il numero di volte in cui ci si dovrebbe lavare, basta farlo una volta al giorno, e si arriva fino a due lavaggi quando le temperature sono più alte e si suda di più. Ovviamente è raccomandabile lavarsi anche dopo i rapporti sessuali.

Gli asciugamani e la biancheria intima devono essere personali, sia a casa che quando si viaggia.

Risulta altrettanto importante:

  • indossare biancheria intima di cotone (traspirante);
  • non esagerare con l’assunzione di lieviti e dolci,
  • assumere carboidrati a lento assorbimento (pasta e riso integrali);
  • cambiare gli assorbenti costantemente e alternare interni ed esterni;
  • assumere i fermenti lattici per garantirsi l’equilibrio della flora batterica;
  • assumere le giuste dosi di verdura e frutta fresca, che apportano sali minerali, vitamine e fibre;
  • non indossare abiti (soprattutto pantaloni) eccessivamente aderenti.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

X